I videogame un giorno arriveranno in chat?

0
1

Il settore del gaming è in continua evoluzione e i videogiocatori in Italia e nel mondo sono sempre di più. I videogiochi, precedentemente visti solo come degli strumenti per passare il tempo, sono diventati un’occasione per socializzare con persone provenienti da ogni parte del globo. L’avvento dell’online e la modalità multiplayer, in questo senso, hanno contribuito tantissimo. Per non parlare, poi, delle funzionalità che ti permettono di restare in contatto, tramite chat o tramite microfono, con i tuoi amici durante i vari match.

Questa è una peculiarità che riguarda anche il mondo del gambling e che rientra tra le caratteristiche delle slot online e delle altre attività. A tal proposito, non è un caso che determinate piattaforme social, Tiktok su tutte, stiano cominciando a condurre dei test per valutare la possibilità di introdurre i giochi all’interno delle chat. L’obiettivo è piuttosto chiaro: aggiungere delle funzionalità che portino la gente a spendere maggior tempo sulla piattaforma.

La notizia, lanciata da Reuters online, darebbe ancora più credito ad un’applicazione già famosissima, che però ultimamente sta cominciando a sentire il fiato sul collo di Meta e di Instagram. Secondo quanto riportato da uno studio condotto da Business of Apps, Tiktok ha raggiunto 1,2 miliardi di utenti attivi mensili alla fine del 2021. Entro la fine di quest’anno, invece, l’obiettivo sarebbe quello di arrivare a 1,5 miliardi. Se il progetto precedentemente citato dovesse andare in porto, la piattaforma attirerebbe l’attenzione di un numero ancora più ampio di persone, in particolar modo dei veri e propri amanti dei videogiochi.

Un primo test sotto questo punto di vista, secondo le informazioni raccolte, sarebbe stato effettuato in Vietnam, un paese nel quale Tiktok ha spopolato particolarmente, considerando il fatto che coinvolge circa il 70% dei cittadini con un’età inferiore ai 35 anni. Secondo quanto scrive Reuters, la tecnologia utilizzata per testare i giochi in chat sarebbe la HTML5, che ha rapidamente sostituito Java nel fornire contenuti più dinamici ai vari siti web. Diverse software houses, tra cui ad esempio Zynga, stanno supportando quest’iniziativa, che ha già coinvolto social network come Facebook.

Si continuano ad effettuare passi in avanti piuttosto importanti in questa direzione, tanto che nel 2021 l’azienda ha acquistato lo studio di giochi Moonton Technology, che ha la propria sede principale a Shangai. La concorrenza con Tencent, la più importante tech company cinese in circolazione, è ormai piuttosto agguerrita. Prima di Tiktok già altri colossi del web hanno intrapreso un percorso molto simile, questa non è altro che la conferma del fatto che l’obiettivo sia quello di fidelizzare sempre più utenti nel mondo. Non a caso, questo è stato lo scopo dichiarato anche da un rappresentate di Tiktok ai microfoni ufficiali di Reuters. Un esempio pratico è Meta, che nel 2016 ha lanciato Instant Games su Facebook. Restando in tempi ancora più recenti, invece, possiamo fare l’esempio di Netflix, che ha aggiunto alla sua piattaforma streaming un catalogo di titoli a cui poter giocare attraverso i dispositivi Android supportati.

- Ads -

Rispondi